Litfiba – El Diablo Tour ’91

9 Apr

Concerto a Cesena per dei Litfiba al giro di boa della loro esistenza, al loro ottavo anno di vita e già qualcosa come dieci album all’attivo. Appena uscito El diablo. Io l’ho visto integrale, in dvd, mi ha colpito per differenti motivi. C’è un interessante backstage in cui Renzulli, Pelù e il resto del gruppo prova alcuni pezzi, si entra nella costruzione di un brano, vi si scorgono tracce di umanità, si dicono le stesse cose che avremmo detto noi se avessimo avuto un gruppo.

Poi quando entra Piero sul palco la solfa cambia, è come se avesse subito una trasformazione, da ragazzo qualunque diventa il mito della folla, un artista molto costruito sul suo personaggio e su come abbozza monologhi in accento demoniaco. Senz’altro un animale da palco scenico, che si nutre dell’amore smodato che il pubblico dell’arena gli riserva.

Musicalmente in questo concerto, in cui non appaiono arrangiamenti così fuori dagli schemi da quelli degli album, ho notato che Ghigo Renzulli non mi esalta. Uno di quei chitarristi bravi che però si limita a fare il suo compitino, peccato perché le potenzialità le ha, basti vedere l’ultimo solo del primo frammento video.
Sempre meglio comunque di Poggipollini. Il Capitan Fede lo avevo già bocciato nel tour 2005 di Ligabue, a Campovolo, Reggio Emilia. Tornando a ritroso nella sua adolescenza artistica le cose non cambiano, sempre lì con quella ritmica floscia e priva di una qualche genialità.

Tutto sommato la mia cosiderazione finale, dopo aver visto El Diablo Tour ’91 è che dei Litfiba, di quei Litfiba, un gran merito va sicuramente a Pelù e Renzulli, ma del testierista storico, Antonio Aiazzi, è di gran lunga il più grande merito di aver dato ai Litfiba un’impronta di inedita originalità attraverso quelle note strette, ritmate, ondulanti sui loro accordi del tutto particolari e satanici.

Povero di spirito, inadatto ho trovato il batterista Daniele Trambusti, turnista come Poggipollini. Nel complesso una band che sull’affacciare degli anni ’90 in qualche modo, oltre a tante parole sacrosante sull’influenza che band come i Rush gli hanno apportato, in pochi hanno pensato a operare un confronto con i Nirvana.

Ebbene in questo video ascoltate attentamente Eroi nel Vento (secondo video in basso), scarnificata dalla batteria e da tutto il resto, solo un Renzulli elettrificato e distorto e la voce di Pelù. Si sono riuniti da poco, questo è un piccolo omaggio ai due. Vai!

Sidistef

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: