Suoni e immagini

24 Mar

A pensarci bene un passaggio del genere era quasi obbligatorio, una normale evoluzione di una esigenza scenica sempre alla ricerca di quel qualcosa in grado di stupire il pubbico pagante e di stravolgere le regole della normale esibizione.

Ed è proprio in questa ottica che da alcuni anni inizia a prendere piede durante i concerti la cosiddetta videochitarra che, come indica il nome stesso, prova a coniugare il fascino senza tempo della sei corde con una innovativa componente visiva.

Ispirato dagli effeti grafici dei riproduttori multimediali come Winamp o Windows Media Player, nel 2006 un liutatio americano di Oakland di nome Ben Lawry, proprietario della Visionary Instruments, decise di installare nel corpo di una chitarra un monitor LCD su sui riprodurre immagini che rendessero ancora più accattivante il fascino dello strumento.

Il primo modello prodotto (immagine in basso) aveva un estetica a dir poco discutibile, ma nel corso del tempo il liutaio è riuscito ad affinare la tecnica raggiungendo degli ottimi risultati e producendo diversi modelli, al punto da suscitare l’interesse di artisti di fama internazionale del calibro di Steven Wilson e Steve Stevens che hanno iniziato ad utilizzare la videochitarra durante i loro tour.

Una versione più avanzata realizzata da Lawry permette di connettere la videochitarra direttamente ad un computer su cui è installato un software in grado di analizzare l’audio prodotto dal musicista e modulare di conseguenza le immagini riprodotte sul monitor, in modo da rendere ancor più spettacolare l’esperienza visiva offerta al pubblico.

Come sottolinea Fabio Deotto sul sito Wired, l’aspetto positivo è che l’idea non nasce da uno dei soliti colossi mondiali, ma bensì dalla voglia e dal lavoro di un giovane appassionato di Musica.

Primo modello di videochitatta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una versione più recente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'occhio della Visionary Instruments

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Di seguito due video: il primo con un estratto di una esibizione dei Porcupine Tree in cui Steven Wilson ha utilizzato la videochitarra, e il secondo con la dimostrazione dello strumento.

 

 

Infine, in questi link potete trovare l’intervista a Ben Lawry pubblicata sul sito Wired.

Parte 1Parte 2

Advertisements

Una Risposta to “Suoni e immagini”

  1. Sidistef marzo 24, 2012 a 11:07 am #

    Grande Foxtrot! Videochitarra? Wow, mai sentita, mai vista. Complimenti ai Porcupine Tree per le idee sempre innovative, e un giusto plauso anche alla Visionary che l’ha inventata. Ho guardato attentamente il secondo video, e direi che, al di là della questione visiva (tra le varie opzioni, carina l’idea dei raggi x che monitorano il pancione del chitarrista e della live cam che osserva in diretta i movimenti del braccio sinistro lungo il manico), questa diavoleria ha anche un’altra caratteristica da non sottovalutare: il wha incorporato e sensibile che si attiva facendola semplicemente vibrare. Ma temo che per i tradizionalisti del pedale, sarebbe come passare dalla guida con cambio manuale a quello automatico…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: