Colin Meloy dei Decemberists

24 Apr

Con l’uscita del loro ultimo album The King is Dead, nel 2011 i Decemberists si sono finalmente imposti nelle classifiche di vendita statunitensi. Novantaquattromila copie vendute nella sola settimana di debutto e la vetta della classifica Billboard 200. Non è la prima volta che band di nicchia del panorama indie-alternative rock scalano le classifiche (era successo anche ai Vampire Weekend e agli Arcade Fire). Tra le motivazioni di tale successo di vendita, il sito Pitchfork annovera anche la scelta vincente di promuovere l’album a soli $3.99 dal portale Amazon. È stato chiesto anche al band leader, Colin Meloy. Di seguito l’intervista integrale, pubblicata il 14 febbraio 2011:

D: Dove eravate quando avete saputo che il vostro album era il più venduto in America?

Colin Meloy: Eravamo dietro le quinte del Beacon Theatre di New York. C’erano stati sentori tutta per la settimana, ma nessuno si sentiva di dirlo ufficialmente. Io non avevo idea di quanti dischi avremmo venduto, ma so che erano un po’ tutti sotto shock. Certamente abbiamo superato le aspettative.

D: C’è stato qualche party selvaggio?

CM: Sicuramente abbiamo aperto una bottiglia di champagne, per quanto abbiamo potuto bere, poi ho avuto un’influenza allo stomaco il giorno successivo.

«Music has been already devalued by the consumer. There’s an expectation that it should be free so the race to the bottom has already been won».

D: Il 65% delle vendite di The King Is Dead deriva da download digitali, e un certo numero di questi dal “pricing album” a 3,99 dollari su Amazon. Non tutti amano quella particolare pratica. Cosa ne pensi?

CM: È una loro prerogativa. È come Costco – stanno solo cercando di convincere la gente sul sito. Noi non ci guadagniamo sopra. Detto questo, ci sono cose più grandi in gioco. E la svalutazione della musica. Ma la musica è già stata svalutata da parte del consumatore. C’è l’aspettativa che dovrebbe essere gratis in modo che la corsa verso il fondo risulti già vinta. È solo una questione di come continuiamo a proteggere i diritti d’autore e sostenere le persone che stanno facendo musica. Stiamo distruggendo una generazione potenziale di nuove voci, perché non è così facile entrare nel giro e sostenersi da soli. Non ho idea di quale sia la soluzione.

D: Beh, con le nuove tecnologie, sembra che ci siano più vie per chi vuole far sentire la propria voce ogni giorno.

CM: Sì, ma quando tutti giocano allo stesso livello, il rumore è molto più alto. E si smette di incentivare chi si trova al di sopra di quel rumore e prende tempo per investire in ciò che sta facendo. Diventa quasi frenetico e cattura l’attenzione.

D: The King is Dead, era trapelato già qualche settimana prima che uscisse, e tuttavia si tratta di un successo piuttosto considerevole finora. Pensi che le perdite possono essere di beneficio in termini di word-of-mouth per alcuni artisti?

CM: Sì, è difficile per noi spiegare perché si disdegna il file-sharing quando in realtà probabilmente è stata una grande risorsa per tutti. Come sostenitori dei negozi di dischi e acquirenti di dischi noi stessi, il lato fisico è importante. Certo, il 65% delle vendite di The King is Dead era digitale. Questo è stato lo stesso per noi per gli ultimi tre dischi, e penso che è solo perché l’industria sta puntando su gruppi come noi, che non sono gli Eagles o Taylor Swift. Si tratta soltanto di fare in modo di creare qualcosa di qualità. Quando si ottiene il rispetto dalle persone che stanno comprando la tua musica e vengono ai tuoi concerti, c’è l’aspettativa che si deve vivere secondo i quegli standard – non possiamo semplicemente buttare qualcosa là fuori. Stavolta sembrava davvero importante doverlo farlo. Se fossimo venuti alla Capitol cinque anni fa e detto: “Hey, vogliamo fare questo grande set box con un libro e un CD e un DVD e tutte queste polaroid e una stampa” avrebbero riso di noi. Ma ora, tutti devono riflettere sulle loro punte, e in realtà anche noi abbiamo più libertà di fare questo genere di cose. Se continuiamo a fare queste cose, spero che la gente si attacchi di più a noi.

D: Pensi che vendere così tante copie di questo disco sarebbe stato possibile anche se foste rimasti con un’etichetta indipendente?

CM: Probabilmente no. Quelli della Kill Rock Stars (la precedente etichetta, ndr) sono impressionanti e non ci sono stati altro che di sostegno, ma sono purtroppo limitati nelle loro risorse. Non sono necessariamente nati per fare questo tipo di vendite.

«It’s hard for us to talk about how we disdain file-sharing when in fact it probably has been a great resource for us».

D: Ora che avete pubblicato tre album per la Capitol, quali pensi che siano i vantaggi o gli svantaggi di stare con loro, considerata la vostra precedente esperienza in ambito indie?

CM: Abbiamo entrambi avuto una botta di fortuna, e abbiamo giocato le nostre carte. Quando abbiamo firmato alla Capitol, avevamo entrambi una base di fan che sapevano che l’etichetta non avrebbe cercato di farci fare qualcosa che non volevamo fare. Abbiamo parlato chiaro, questa era una delle condizioni. Capitol, per fortuna, l’ha rispettata. Ma poi, io non so cosa avrebbero potuto chiederci, siamo incapaci di essere una band pop. Avremmo fatto male se ci avessero costretti a qualcosa di diverso. Siamo come un animale domestico per loro. E a loro piace averci nel loro pollaio. Continuiamo ad ottenere un sacco di sostegno da parte dell’etichetta.

D: Avete accusato un contraccolpo dalla decisione iniziale di andare in una Major?

CM: Non avevamo da giocarci tanto quanto dieci anni fa, quando c’era una connessione più forte nella musica rock indipendente. Ora, la gente capisce che tu devi fare quello che devi fare. Mi ricordo quando gli Shins vendettero New Slang a McDonald’s – fu un putiferio. La gente era così incazzata! Ora è: “Oh, va bene qualsiasi cosa”.

D: Ci sono aziende o enti ai quali i Decemberists rifiutano di vendere i diritti per una loro canzone?

CM: Beh, io in realtà ho avuto il piacere di rifilare un veemente “no” a Dennis Miller di recente. Voleva usare Sons and Daughters per l’outro del suo spettacolo comico. Mi ha dato l’opportunità non solo di dire “no”, ma anche di spiegargli in una mail che ho rifiutato in quanto è di destra e bigotto. La sua idea di cooptare Sons and Daughters – che racconta la convivialità tra persone che si uniscono in pace – per il suo zoppo spettacolo comico era offensiva. Con i commerciali, cerchiamo almeno di fare in modo che la nostra politica corrisponda. Mi trovo piuttosto a dover disegnare una linea quando la gente vuole che tu faccia musica originale per spot pubblicitari. Noi non facciamo jingles.

D: Ti sento ancora come se fossi ancora una parte della cosiddetta cultura “indie”, o sono state rimosse quelle idee?

CM: Fin dall’inizio, abbiamo voluto rimanere in contatto con le persone che venivano ai nostri concerti, e abbiamo cercato di fare tutto alle nostre condizioni. Queste sono le qualità che sono associate con il mondo indie. La gente non vuole essere assecondata, vuole sentire la voce vera e propria dell’artista. Siamo attenti alle decisioni che prendiamo, ma, alla fine, solo perché qualcosa è “corporate” non significa che non può esservi associato.

D: Rispetto a The Hazards of Love, The King Is Dead è un album molto back-to-basics. Lo avete concepito come una risposta diretta a chi ha acquistato l’ultimo album?

CM: È divertente, perché non si può parlare di questo disco, senza parlare di The Hazards of Love. Ognuno è uscito allo scoperto parlando di come questo album era esagerato. È come quando porti la ragazza con la tua famiglia e tutti dicono che in realtà gli piace, ma poi quando rompi con lei, tutti dicono “Oh Dio, l’ho sempre odiata. Da solo stai molto meglio”. Anche io sto cominciando a crederlo, “Credo che The Hazards of Love ha solo fatto succhiare, non è vero?”. Ma c’è un vero amore con quel disco, anche, è il mio disco preferito tra quelli che abbiamo fatto.

«We really have attempted to do everything on our own terms. Those are qualities that are associated with the indie world. People don’t want to be pandered to– they want to hear the genuine voice of the artist».

Se c’è un momento in cui eravamo convinti del concetto “facciamoci una striscia e un disco in un fienile”, o il genere di cose così, è stato dopo Hazards. Inoltre, c’era stata più tranquillità e canzoni più folk che avevo scartato mentre stavo lavorando su quel disco, perché semplicemente non si adattava alla narrazione. È stato un bel sollievo essere in grado di lavorare su singoli brani.

D: C’è una grande influenza country anni ’70 in The King Is Dead, ma sul lato B al singolo January Hymn, ragazzi, voi copiate i Grateful Dead di Row Jimmy. Consideri quella band influente nel tuo stile?

CM: No, attualmente nutro un convinto odio irrazionale per Dead, tipo: “Io ascolto gli Smiths, cazzo quella merda di chitarra”. Ma lentamente mi sono ravveduto. I miei compagni sanno molto della loro musica, e mia moglie è una grande fan dei Dead, anche. Io ho rinfrescato i miei tacchi da un po’ e iniziato a trovare alcuni album da un’epoca che mi piaceva – certamente quella tra fine degli anni ’60 e primi anni ’70, davvero un gran periodo. Ma la roba marmellata non fa per me in generale. Il mio amore ritrovato per i Dead proveniva da Robert Hunter e il cantautore Jerry Garcia, non dagli assoli di chitarra elaborati. Sono un “song-person”. Una volta che si comincia a uscire da tale struttura e si entra nel loopy, per me comincia ad essere interessante.

D: Hai lavorato con Peter Buck dei REM, in alcuni brani di The King Is Dead, come è stato?

CM: E’ stato incredibile. È solo un ragazzo molto dolce, e lavora molto rapidamente. È l’eroe della chitarra che ha contribuito a definire ciò che la buona musica è per me da quando ero bambino, quindi è stato un onore stare con lui e suonare insieme la nostra musica. Le canzoni sono più Peter Buck riflesso dei REM che il suono di chitarra di A&M Robyn Hitchcock, e Peter ha suonato in molti di questi dischi.

D: Qualche mese fa, si è parlato di un vostro lavoro per un musical. Pensi che accadrà?

CM: E’ qualcosa che è stato previsto tra un po’. Sto lavorando con Michael Mayer (direttore del musical Green Day American Idiot, ndr), che è un buon amico, giù al Berkeley Rep Theatre per capire se si potesse fare qualcosa, ma è ancora nelle primissime fasi di pianificazione.

Ho un rapporto conflittuale con il musical, perché penso che la musica stessa rischia di essere terrificante. È un’industria che per poter sopravvivere si basa sull’appeal per la cultura tradizionale. Se i musical di Broadway fossero ancora così popolari come lo erano negli anni ’20, ’30 e ’40, poi anche gente come Sufjan Stevens e Iron & Wine continuerebbero a scrivere per Broadway, e ciò sarebbe incredibile. Così com’è, è la peggiore roba che si è impantanata nella musica pop.

«If Broadway musicals were as popular as they were in the 20s, 30s, and 40s, then people like Sufjan Stevens and Iron & Wine would be writing for Broadway, which would be amazing».

D: Credo che ciò significa che non andrai a vedere Spider-Man: Turn Off the Dark.

CM: Sai, Shara Worden ha fatto un provino per essere in quel musical! Stiamo tutti ringraziando le nostre star che lei non è stata scritturata. Eravamo in tour, e credo che Julie Taymor l’avesse contattata. Per lei sarebbe stato fantastico, ma anche lei sarebbe stata molto penalizzata.

D: Lei ha detto in una recente intervista che la band starebbe pianificando una pausa dopo aver registrato questo album. Considerando il successo del disco finora, sembra un momento strano per prendersi una pausa.

CM: Beh, non abbiamo fatto questo disco per stressarci. Siamo entusiasti di stare sulla strada, ma ci sono altre cose che voglio fare da solo. Il mio spazio creativo è stato soprattutto a disposizione dei p Decemberists per 10 anni, e ora sembra proprio il momento giusto per pensare di fare altre cose.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: