Laurie Anderson – Sharkey’s Night (1984)

26 Giu

Primitiva. L’aggettivo più vicino (anche se non del tutto esaustivo) per definire la musica di Laurie Anderson e del suo gruppo temporaneo. Artista dalle mille sfaccettature, una poetessa in musica, concettuale e storicizzata insieme. Home of the Brave ne è l’esempio più vivido, un progetto nato come concerto a se stante, poi pubblicato anche in formato cd con 8 tracce. Sharkey’s Night è la settima traccia. C’è anche una Sharkey’s Day, ma questa in live rende di più.

Laurie si cimenta in movenze tribali, tutta la sua musica è permeata di sonorità hawaiiane e la sua voce modulata diventa quella di un nero afroamericano. Coinvolto alla chitarra Adrian Belew, anche lui come tutto il resto degli attori sul palcoscenico indossa una maschera che lo spersonalizza. I tratti somatici restano due cerchi (gli occhi) e un triangolo (la bocca), anche se il suo marchio è indelebile quando la sua chitarra (anch’essa con occhi, bocca e naso) emette suoni fusion elettronici. Alle percussioni c’è David Van Tieghem. Buon ascolto.

Annunci

Una Risposta to “Laurie Anderson – Sharkey’s Night (1984)”

  1. diegomessina luglio 4, 2012 a 1:03 am #

    … gli anni ’80… chi li capisce è bravo!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: