TVC 15. Due modi differenti di rielaborare David Bowie

29 Giu

Ma sì, sfondiamo la barriera dell’etichetta e ammorbidiamoci sul semi-professionismo. Due versioni completamente differenti di TVC 15 di David Bowie, brano pubblicato nell’album Station to Station del 1976, il più lento di quella selezione, diciamo ancorato sul Bowie vecchio stampo, London beat. In rete ho  trovato diverse versioni di questa canzone eseguite da Bowie, molte delle quali con artisti d’eccezione (penso a Stevie Ray Vaughan tanto per citarne uno), ma mi ha divertito di più segnalarne un paio in cui Bowie non c’è e la rielaborazione è totale. La prima versione è di una band di New York tutta al femminile, le Anomy (Linde Herrmann – keyboards, synthesizers, sequencer, backing vocals; Elany Portafekas – vocals, rhythm box, synthesizers, flute; Kia Portafekas – synthesizers, electric bassoon, backing vocals), tratta dal loro unico lavoro pubblicato nel 1981, TVC 15 / Lone Wolf. E’  una TVC 15 molto più vicina (con i dovuti distinguo) allo stile di Heroes:

La seconda versione è molto più fedele all’originale, meno sovversiva ma più veloce. A concepirla sono i Comateens, band new wave di New York di fine anni ’70 formata da Nic North (Bass, Vocals), Oliver North (Guitar, Vocals), Lyn Byrd (Synthesizer, Vocals) e Rolly (Percussion):

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: