Tag Archives: elio e le storie tese

COVERMANIA | Yellow Submarine

7 Gen

Ha battuto tutti i record di vendita in Gran Bretagna e nel resto del mondo, è stato il primo singolo ad uscire in formato 45 giri e ha dato il titolo a uno dei più celebri film animati musicali. Non c’è un angolo nel mondo che non conosca le note e le parole di Yellow Submarine, canzone cult degli anni ’60 firmata dai giovanissimi Beatles con la pubblicazione del loro secondo lp Revolver nel 1966.

La fama di questo brano (così come tutte le produzioni dei Beatles) è attestata anche dalle tante, tantissime cover che ne sono state riproposte nel corso degli anni e fin da subito. Girando per il web mi sono davvero divertito perché ce n’è per tutti i gusti, dalle cover fedeli all’originale a totali rivisitazioni nelle più disparate chiavi di lettura. A parte l’originale, ho scelto 4 cover che mi sembravano più interessanti per la diversità tra loro, ma non possono essere escluse altre versioni, da quella degli australiani Silverchair a quella di Nada, o la più comica di Milton Berle, o addirittura alla voce quasi lirica di Mrs. Elva Miller.

Si parte dall’interpretazione militar-ironica dei Leningrad Cowboys, una banda di scalmanati finlandesi con la fissa per le creste e per l’Unione Sovietica che vanno cantando in giro per il mondo vestiti da gerarchi dell’Armata Rossa…

Continua a leggere

Dal vin brulé…al CD brulé

13 Apr

Nato nell’antichità grazie all’opera minuziosa di sapienti frati e presente nelle tradizioni natalizie tedesche tanto quanto l’albero di Natale e Santa Claus stesso, il vin brulé è un particolare composto di vino, spezie ed erbe aromatiche da servire caldo appena terminata la preparazione, al quale vengono attribuite anche importanti qualità curative.
E chissà se proprio sorseggiando un bicchierino di questa antica specialità che il gruppo Elio e le Storie Tese non ebbe “l’illuminazione” per una delle loro idee più originali e riuscite: il cosiddetto CD brulé (o più tecnicamente Instant CD).

La ricetta è di quelle semplici ma particolarmente efficaci: si prende un concerto esilarante e ben eseguito, un pubblico caldo al punto giusto, si registra e si stampa un CD contenente la prima ora del live in corso e infine si piazzano due o tre bancarelle all’uscita della location nelle quali vendere le registrazioni appena effettuate…quello che si ottiene, oltre agli evidenti ricavi commerciali, è un CD da servire “caldo caldo” e da consumare preferibilmente in macchina durante viaggio di ritorno per prolungare l’esperienza vissuta nella serata!

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: