Tag Archives: rolling stones

The Rolling Stones – Parachute Woman (1968)

4 Gen

In un album che fece la storia del rock blues, come Beggars Banquet, trovare un brano che resca a spiccare sugli altri è sempre impresa non da poco. Forse impossibile. Così mi sono buttato sulla vena più prettamente blues degli Stones, connettendo The Book of Saturday sulle frequenze del Rock’nRoll Circus (1968) regalandovi questa stupenda Parachute Woman dal vivo: 2’40” di assoluta trance alle dipendenze della voce e dell’armonica di Mick Jagger e dei riff di Keith Richards. Un banchetto propiziatorio, appunto. Lambiente saturo di blues, i ragazzi in poncho a dare tinta all’atmosfera, tutti coinvolti compresi gli addetti alle riprese…

Richard Branson, dal rock allo spazio

12 Feb

Sul britannico Telegraph è in atto un lungo dibattito, condito da articoli e approfondimenti quotidiani sul tema dell’Economia verde, la “Green Economy”. La rubrica si chiama The Age of Energy, e tra i nomi dei vari sostenitori dell’iniziativa omonima (in collaborazione con la Shell), compare anche quello del fondatore della Virgin, Richard Branson. Il Telegraph per l’occasione lo ha celebrato pubblicando un suo profilo biografico in cui è tratteggiata anche la genesi di un colosso che ormai spazia dall’aeronautica all’automobilismo.

Oggi Branson è uno degli uomini più ricchi del Regno Unito (con un patrimonio stimato di oltre 4,4 miliardi di dollari), ma soltanto 40 anni fa era solo un amante di musica. Tutto iniziò nel 1970, quando Richard aveeva 20 anni e creò la sua Virgin. All’inizio altro non era che un rivenditore di dischi per corrispondenza. Quello che oggi fanno milioni di appassionati nel mondo grazie a siti come Amazon e e-bay, allora significava essere un pioniere. Poco dopo Branson si aprì un negozio in Oxford Street a Londra (non provate ad andarci perché oggi ci troverete la catena Zavvi).

Prosegue la storia con la nascita, due anni dopo, del primo studio di registrazione Virgin, a Oxfordshire. Dove il primo artista scritturato dall’etichetta, Mike Oldfield, registrò il suo bellissimo Tubular Bells. Ormai Branson cavalca l’onda, nel 1977 firmano per la Virgin anche i Sex Pistols, seguiti da tantissimi altri gruppi, dai Culture Club ai Rolling Stones, che incideranno per la Virgin gli ultimi tre album (da Voodoo Lounge, passando per Bridges to Babylon, fino al più recente A Bigger Bang).

Continua a leggere

EXTRA|Chitarre spaccate e medaglie sul petto: Pop-art e Rock ’65

24 Gen

Anno 1965, gli Stati Uniti iniziano a spedire le prime truppe nel Vietnam del Sud, mentre già da gennaio iniziano i primi bombardamenti nel Vietnam del Nord. Intanto a febbraio viene assassinato Malcolm X e in America si consolida una fase di forte instabilità politica e di movimenti sociali e giovanili.

Il Sessantotto è ancora lontano e una corrente in particolare sta iniziando a piantare le sue radici, si tratta della Pop Art, capitanata da Andy Warhol e Roy Lichtenstein, i nomi di spicco di una sequela di artisti che intendono sovvertire i canoni della fruizione visiva attraverso l’utilizzo di oggetti di uso comune.

«What is Pop-art?» inizia dunque a chiedersi l’opinione pubblica, soprattutto in Europa, dove la corrente acquisterà vigore e popolarità soltanto in questo periodo. In tutto questo anche la musica non resta indifferente e cerca con tutti i suoi mezzi di inserirsi in questo percorso e cavalcare l’onda. Nel luglio 1965 la rivista MM intervistava il chitarrista degli Who, Pete Townshend, che fornisce una prima e convincente spiegazione di cosa è secondo lui la Pop-Art:

Continua a leggere

AA.VV. – 50 anni di Rock. Volume 7 Dal Beat al Rock (2004)

24 Dic

Nel 2004 il Gruppo L’Espresso-La Repubblica pubblicava una serie di 17 cd (gli ultimi due dedicati al rock italiano e alle sue contaminazioni) intitolata 50 Anni di Rock, volta a festeggiare il mezzo secolo di vita di un genere musicale che ha rivoluzionato rapporti sociali e mentalità dell’intero pianeta.

Concepito da Ernesto Assante e Gino Castaldo, difficile capire se il progetto prenda come data cardine della nascita del rock il 1963, data del primo disco dei Beatles, oppure il ’64 con i Rolling Stones e i Kinks, o ancora il 1962, anno d’esordio dei Beach Boys. Non importa, sta di fatto che il disco che consiglio oggi, il Volume 7 – Dal Beat al Rock è uno dei meglio riusciti dell’intera serie e ci spiega il passaggio dal sound Beatles-primi Beach Boys a quello più evoluto ma comunque sempre delicato di Bob Dylan in America, di Kinks, Who e Traffic in Inghilterra. Interessante anche per piacevoli scoperte, per quanto mi riguarda Rod Stewart in Maggie May e un suono di chitarra mai udito prima in Madame George di Van Morrison.

I Gemelli Barlume

8 Ott

Dal 1975, data di pubblicazione dell’album It’s Only Rock And Roll, i Rolling Stones si sono avvalsi dei testi dei Glimmer Twins. Chi erano? Semplicemente Mick Jagger e Keith Richards, che da quel momento, tranne rare eccezioni, iniziarono ad utilizzare questo pseudonimo per le loro successive produzioni.

Curiosa l’origine del nome: durante una crociera fatta con le mogli tra il dicembre ’68 e il gennaio ’69, i due vennero avvicinati da una coppia di coniugi che, sospettosi sulla loro identità, gli chiesero più volte di rivelare il loro vero nome, ma loro rifiutarono. La donna però non rinunciò e disse loro: «just give us a glimmer», il che significa pressappoco «dateci almeno un barlume», o meglio, un indizio. L’espressione, un po’ colorita e inusuale, lasciò molto divertiti i due che qualche anno più tardi utilizzarono quel «glimmer» come marchio di fabbrica per le loro produzioni.

Sidistef

Bowie + Jagger

22 Giu

Nel 1974 esce l’album It’s Only Rock and Roll dei Rolling Stones. Un disco molto più vario, rispetto ai precedenti album rock blues. Tra i diversi musicisti che si alternano nelle varie collaborazioni con la band di Jagger, ne compare uno che a mio avviso è tra i più geniali interpreti delle  diverse sfaccettature del rock: David Bowie. Lo troviamo come seconda voce in It’s Only Rock ‘n Roll (But I Like It), title track del disco. Di seguito alcune interessanti foto.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: