Tag Archives: space rock

Hawkwind – Doremi Fasol Latido (1972)

20 Mag

Lo hanno definito “space rock”, mentre l’era visionaria dei Pink Floyd andava appiattendosi in opere di più alta concezione (l’anno dopo uscirà The Dark Side Of The Moon), e gli anni ’70 stavano iniziando a rivedere i loro stessi canoni del successo rivoluzionario dei Sixties. Nel bel mezzo di questo nuovo Big Bang sonoro, arriva Doremi Fasol Latido, terza fatica degli Hawkwind che sconquasserà le certezze di chi credeva che l’elettronica servisse solo da contorno.

In effetti, in questo album di 7 tracce (anche se la reissue vi aggrega altre 4 bonus tracks), tutti i giochi spazio-tempo-musicali finiscono per prendere il sopravvento, e l’ascoltatore attento si lascerà molto più trasportare dai sintetizzatori di Dik Mik e Del Dettmar, che non dai canti visionari di Dave Brock e Nick Turner. Siamo di fronte a uno degli esempi più eloquenti di abuso di flanging nella storia del rock, anche se l’effettistica non è mai asfissiante. Ma Doremi Fasol Latido non è solo un album chiuso, finito. È un’opera a tutto tondo, e come ogni rock-opera ogni tanto ci riporta alle melodie portanti del disco.

Non meno importante, ha una storia da raccontare, sulla scorta delle opere di The Who e Kinks, anche gli Hawkwind racconteranno la loro «Saga di Doremi Fasol Latido». Una raccolta «di canti rituali, inni spaziali e canti di battaglie stellari e di lode, e utilizzati dal clan degli Hawkwind durante il loro epico viaggio verso la terra leggendaria di Thorasin». Gli Hawkwind lasciano la Terra e ci proiettano in luoghi leggendari, oscuri, promettendo che un giorno, sconfitte le forze del male, faranno ritorno sulla terra, radendo al suolo le città e fondando solo immensi parchi verdi.

Curiosità: bassista (e voce) degli Hawkwind è Lemmy Kilmister, che passerà anche con i Damned ma soprattutto diverrà famoso in tutto il mondo per aver dato la voce ai Moterhead.

Eloy – The Bells of Notre Dame (1975)

17 Mag

Brano tratto da Power and the Passion, quarto album della band progressive space rock tedesca degli Eloy. The Bells of Notre Dame, melodie e atmosfera che ci proiettano in cima alle guglie della magnifica cattedrale parigina. Tematica di per se abusata da tantissimi gruppi gothic e metal, genere che poi abbraccerà lo stesso chitarrista di questo album, Fritz Randow. Qui le sensazioni si sfaldano su ritmate scansioni di pura ambientazione anglosassone, almeno per quanto riguarda alcune sonorità molto vicine al sound dei Pink Floyd.

35007 – Liquid (2002)

20 Apr

Artista/Gruppo: 35007
Titolo: Liquid
Anno: 2002
Etichetta: Stickman

Un intenso viaggio nei meandri più sperduti ed enigmatici dello Space-Rock…questo e quanto cercano ed ottengono in maniera inequivocabile i 35007 (ovvero Loose nel cosiddetto “calculator spelling”) con il loro album Liquid.

E raramente titolo fu più consono, poiché tutto all’interno di questi concentratissimi trentotto minuti è realmente liquido e tende a sciogliere ciò che ha intorno…riff rotondi, ridondanti e pieni di riverbero rendono ostaggio la mente dell’ascoltatore, che già dopo pochi minuti si trova oramai catapultato ai confini più remoti delle galassie conosciute, dove ad ogni giro di batteria una “goccia del proprio corpo” si stacca ed inizia a fluttuare indisturbata nello spazio infinito, lasciando dietro di se solo la propria essenza; l’opera costante e martellante del basso rende vano ogni tentativo di riportarla indietro…ammesso che se ne abbia voglia…

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: